.
.
.
  
english
russo
deutsch
 
 
Jacopone da Todi
Stabat Mater testo
Stabat Mater nel XXI secolo
Musica Stabat Mater
Raccolta video 1
Raccolta video 2
Raccolta video 3
Raccolta video 4
Stabat Mater soundtrack
Laude
Libero Spirito
Libero Spirito 2
Nativitá
Nativitá 2
Lauda per la nativitá
Curiositá
In Ricordo
Photo Gallery
Notizie
Jacopone da Todi     accenni storici   Stabat Mater     Sasha Lazard
Jacopo de' Benedetti , più noto come Jacopone da Todi , nacque in una nobile famiglia tuderte, presumibilmente tra il 1230 e il 1236. Esercitò la sua professione di notaio nella cittadina, e nel 1267 sposò la contessina Vanna, figlia di Bernardino di Guidone di Coldimezzo.  Un anno dopo durante una festa di ballo, crollò il pavimento e nel tragico evento perì la giovane moglie Vanna.  Questo fatto cambiò la vita a Jacopo de Benedetti, che decise di dedicare la sua vita alla spiritualità. Si ritirò nel piccolo eremo oggi conosciuto come  Santa Maria della Pasquarella, a Rioverci, sulle sponde del Tevere.  Nel 1278 scelse di entrare nella corrente rigorista  dell’Ordine dei Minori francescani, presso il Conventino di Sant’Angelo in Pantanelli , già fondato da San Francesco d' Assisi, sempre lungo il Tevere verso Orvieto.  Il Convento detto di Pantanelli è conosciuto anche per lo scoglio sul Tevere  dove S.Francesco  parlava ai pesci.

Jacopone da Todi, è conosciuto non solo per la sua vita da mistico , ma è noto soprattutto come poeta e famose sono le sue Laude. Le più famose sono “Il pianto della Madonna ” e  “Stabat Mater” , quest’ultima presumibilmente scritta proprio nel  convento di Pantanelli. 

Il poeta, traduce l'ansiosa passione umana in figure potentemente drammatiche, poste di fronte al mistero della saggezza divina.

Promotore della corrente francescana dei poveri  al seguito di Celestino V, venne pero’ giudicato troppo  rigorista da Bonifacio VIII , successore di Celestino V, e per questo fu processato a Palestrina , condannato all’ergastolo, ed imprigionato nel carcere conventuale di San Fortunato a Todi. Solo con la morte di Bonifacio VIII, (1303) fu liberato, vivendo poi gli ultimi anni a Collazzone  nell'ospizio dei Frati Minori annesso al convento delle Clarisse, morì la notte di Natale del 1306.
Restano di lui le belle Laude e lo straordinario messaggio di partecipazione al dolore espresso potentemente nello Stabat Mater
 

english:  Jacopone da Todi 1230?–1306, Italian mystic poet, whose name was originally Jacopo Benedetti. After the sudden death of his wife, he renounced (c.1268) his career as an advocate, gave his goods to the poor, and after 10 years of penance became a Franciscan tertiary. Jacopone was excommunicated and imprisoned (1298) for signing a manifesto against Pope Boniface VIII. After his release, he retired to a hermitage. He wrote many ardent, mystical poems and  the famous  hymn Stabat Mater Dolorosa. The spiritual value of poverty is frequently the theme of his poetry.
Sponsored by
Tenuta di Fiore - Agriturismo B&B  - 06059 Todi  ( Perugia ) Italia