.
.
.
  
english
 
 
Jacopone da Todi
Stabat Mater testo
Stabat Mater nel XXI secolo
Musica Stabat Mater
Raccolta video 1
Raccolta video 2
Raccolta video 3
Raccolta video 4
Stabat Mater soundtrack
Laude
Libero Spirito
Libero Spirito 2
Nativitá
Nativitá 2
Lauda per la nativitá
Curiositá
In Ricordo
Photo Gallery
Notizie
Laude 
sito con le Laude
(..)Fugio lo falso amore,ché no me prenda el core;
retornome al Signore,ch'esso è lo vero ama. (clic ..)

(..) La luna è scura e 'l sole è ottenebrato, 
le stelle de lo cel veio cadere;
l'antiquo serpente pare scapolato,
tutto lo mondo veio lui sequire
L'acque s'à bevute d'onne lato, (clic..)

O iubelo de core, 
che fai cantar d'amore!( clic..)

O Amore muto,non voli parlare, ché non si' conosciuto! (clic..)

"Amor, diletto Amore, perché m'ài lassato, Amore? (clic..)

O Amor, devino Amore, Amor, che non èi amato! 
Amor, la tua amicizia è plena de letizia;
non cade mai en trestizia lo cor che tt'à assaiato.(clic..

O papa Bonifazio, eo porto tuo prefazio 
d'emmaledizione e scommunicazione.
Co la lengua forcuta m'ài fatta esta feruta; (clic..)

Que farai, Pier da Morrone? Èi venuto al paragone. 
Vederimo êl lavorato che en cell'ài contemplato.
S'el mondo de te è 'ngannato, séquita maledezzone. (clic..)

O papa Bonifazio, molt'ài iocato al mondo; 
pensome che iocondo non te 'n porrai partire! (clic..

O Signor, per cortesia, manname la malsanìa! (clic..)

The God-Madness ( Jacopone da Todi ) 

Versione musicale di  una Lauda di Jacopone 

Una originalissima versione di una Lauda di Jacopone da Todi del musicista Eugenio  Beccherucci

.

La versione completa in realplayer 


 
( Dal carcere Jacopone scrive questo dialogo con un cadavere che giace nella tomba )

Testo 

 Quando t'aliegre, omo d'altura
va' puni mente a la seppultura;
e loco puni lo to contemplare,
e ppensate bene che tu di' tornare
en quella forma che tu vidi stare
l'omo che iace en la fossa scura.

- Or me respundi, tu, om seppellito,
che cusì ratto d'esto monno èi 'scito:
o' so' li be' panni de que eri vestito,
cà ornato te veio de molta bruttura?-

- O frate meo, non me rampugnare,
cà 'l fatto meo te pòte iovare!
Poi che parenti me fero spogliare,
de vil celizio me dèr copretura.-

- Or ov'è 'l capo cusì pettenato?
Con cui t'aregnasti, che 'l t'à sì pelato?
Fo acqua bullita, che 'l t'à sì calvato?
Non te ci à opporto più spicciatura!-

- Questo meo capo, ch'e' abi sì biondo,
cadut'è la carne e la danza dentorno:
no'l me pensava, quanno era nel mondo!
Cantanno, ad rota facìa saltatura!-

- Or o' so' l'occhi cusì depurati?
For de lor loco sì se so' iettati;
credo che vermi li ss'ò manecati,
del tuo regoglio non n'àber pagura.-

- Perduti m'ò l'occhi, con que già peccanno,
aguardanno a la gente, con issi accennando.
Oi me dolente, or so' nel malanno,
cà 'l corpo è vorato e l'alma è 'n ardura.-

- Or uv'è lo naso, c'avì' pro odorare?
Quigna enfertate el n'à fatto cascare?
Non t'èi potuto da vermi adiutare,
molt'è abassata esta tua grossura.-

- Questo meo naso, c'abi pro oddore,
caduto m'ène en multo fetore;
nol el me pensava quann'era enn amore
del mondo falso, plen de vanura.-

- Or uv'è la lengua cotanto tagliente?
Apri la bocca, se ttu n'ài neiente.
Fòne truncata oi forsa fo 'l dente,
che te nn'à fatta cotal rodetura?-

- Perdut'ho la lengua, co la qual parlava
e mmolta descordia con essa ordenava:
no'l me pensava, quann'eo manecava,
el cibo e 'l poto oltra mesura.-

- Or cludi le labra pro denti coprire,
ché par, chi te vede, che 'l vogli schirnire.
Pagura me mitti pur del vedere;
càionte denti sanza trattura.-

- Co' cliudo le labra, ch'e' unqua no l'aio?
Poco 'l pensava de questo passaio.
Oi me dolente, e como faraio,
quann'eo e l'alma starimo enn arsura?-

- Or o' so' le braccia con tanta fortezza
menacciando a la gente, mustranno prodezza?
Raspat' el capo, se tt'è ascevelezza,
scrulla la danza e ffa portadura.-

- La mea portadura si ià' 'n esta fossa;
cadut'è la carne, remase so' l'ossa
et onne gloria da me ss'è remossa
e d'onne miseria 'n me a rempietura.-

- Or lèvat' en pede, ché molto èi iaciuto,
acònciate l'arme e tòite lo scuto,
ch'en tanta viltate me par ch'èi venuto,
non po' comportare plu questa afrantura.-

Sponsored by
Tenuta di Fiore - Agriturismo B&B  - 06059 Todi  ( Perugia ) Italia