.
.
.
  
english
 
 
Jacopone da Todi
Stabat Mater testo
Stabat Mater nel XXI secolo
Musica Stabat Mater
Raccolta video 1
Raccolta video 2
Raccolta video 3
Raccolta video 4
Stabat Mater soundtrack
Laude
Libero Spirito
Libero Spirito 2
Nativitá
Nativitá 2
Lauda per la nativitá
Curiositá
In Ricordo
Photo Gallery
Notizie
Lo specchio di Jacopone 
Nella splendida Laude 51,
Jacopone da Todi parla dello specchio come chi, venendone a contatto, abbia avuto una nuova e smagliante e mistica visione della vita. 

"(...)'oppinione c'avìa facìam'esser iocondo; 
guardanno en quello specchio la luce che n'oscìa,
mustrò la vita mia che iacìa nel profondo;
vìnneme planto abundo, vedenno esmesuranza,
quant'era la distanza 'nfra l'essere e 'l vedere.(...)

 Lo specchio di cui parla Jacopone da Todi, fa probabilmente riferimento al libro      (considerato eretico) di Marguerite Porete, " Lo specchio della Anime semplici" e a quel movimento spirituale di "Eckhart che respinge il dualismo del Creatore e della Creatura, per abbracciare un "nulla sapere, nulla volere, nulla avere" poretano, facendo un vuoto interiore totale in cui il Verbo si genererà spontaneamente." 

La Laude 51
O vita de Iesù Cristo, specchio de veretate!
O mea deformetate en quella luce vedere!
Parìame esser chevelle, chevelle me tinìa, 
l'oppinione c'avìa facìam'esser iocondo; 
guardanno en quello specchio la luce che n'oscìa, 
mustrò la vita mia che iacìa nel profondo; 
vìnneme planto abundo, vedenno esmesuranza, 
quant'era la distanza 'nfra l'essere e 'l vedere. 
Guardanno en quello specchio, vìddece la me' essenza; 
era, senza fallenza, plena de fedetate; 
vìddece la mea fede, era una diffidenza; 
speranza, presumenza plena de vanetate; 
vidde mea caritate, amor contaminato; 
poi c'a llum'è specchiato, tutto me fe' sturdire
Guardanno en quello specchio, iustizia mea ci apare 
en uno deguastare de vertut'en bontate. 
L'onor de Deo furato, lo ennocente dannare, 
lo malfattor salvare e darli libertate. 
O falsa niquitate, amar me malfattore 
e de sottrar l'amore a cquel ch'eo dibi avere! 
Guardanno en quello specchio, vidde la mea prudenza
era una ensepienza d'anemalio bruto; 
la lege del Signore non abi en reverenza, 
puse la mea entennenza al mondo c'ho veduto; 
or a cque so' venuto? Omo razionale, 
de farme bestiale (e peio ne pò om dire!). 
Guardanno en quello specchio, vidde mea temperanza
era una lascivanza sfrenata senza freno; 
li moti de la mente non ressi en moderanza, 
lo cor prese baldanza voler le cose en pleno; 
copersese un mantino, falsa discrezione, 
summersa la rasone, a cchi fo dato a servire. 
Guardanno en quello specchio, vidde la mea fortezza
parìame una mattezza de volerne parlare, 
cà no li trovo nome a quella debelezza; 
quanta è la flevelezza, non sò dóne me fare. 
Reducome a pplorare êl mai non conosciuto, 
vertute nel paruto e vizia latitire. 
O falsi oppiniuni, como prosumavate 
l'opere magagnate de vendirle al Signore? 
En quella luce devina poner deformetate 
fòra gran 'nequitate digna de gran furore; 
partamne d'esto errore, cà mo i ne place el meo! 
'Nanti li escuncia el seo, quanno 'l ce vòle unire. 
Iustizia non pò dare ad omo ch'è vizioso 
lo renno glorioso, cà cce sirìa splacente; 
ergo a chi non s'esforza ad essere vertuoso, 
non sirà gaudioso co la superna gente; 
e no i varrìa ne[i]ente bon loco a l'onfernale 
et a lo celistiale loco no i pò nocère. 
Signore, àime mustrata, ne la tua claritate, 
la mea nichilitate ch'è menor ca neiente
de quest'esguardo nasc'esforzata umiltate, 
legata de viltate, voglia 'n non-voglia sente. 
Umiliata mente non n'è per vil vilare; 
ma, en vertuoso amare, vilar per nobelire. 
Non pòzzo essar renato, s'e' en me[ne] non so' morto, 
annichilato en tutto, en l'esser conservare; 
de nihil glorioso null'om ne gusta el frutto
se Deo no i fa el condutto, cà om non ci à que fare. 
O glorioso stare en nihil quietato
lo 'ntelletto pusato e l'affetto dormire! 
Ciò c'ò veduto e pensato tutto è feccia e bruttura,
pensanno de l'altura de lo vertuoso stato.
Nel pelago ch'eo veio non ce ssò notatura,
farò sumergiatura de l'omo che è annegato;
somers'e 'narrenato 'n onor d'esmesuranza,
vénto de l'abundanza de lo dolce meo Scire!
Lo specchio della anime semplici 
Manoscritto
Sponsored by
Tenuta di Fiore - Agriturismo B&B  - 06059 Todi  ( Perugia ) Italia